PISTOLA TOKAREV TT30 Cal.7,62 Tokarev

Per qualsiasi informazione o commento riguardo a quest’arma scrivete una mail all’indirizzo
tokarevtt30@euroarms.net

 
 
Tutti i dati sono stati desunti dalle pubblicazioni elencate in bibliografia e direttamente da esemplari in nostro possesso.
Abbiamo disponibile un importante e speciale lotto di pistole TT30 particolarmente rare ed interessanti dal punto di vista sia storico che collezionistico.
Non sono le solite Tokarev TT33 che si trovano normalmente sul mercato, ma si tratta proprio del modello originale TT30 costruito solo nei primi anni di produzione (dal 1932 al 1935). 
Gli esemplari proposti fanno parte di due lotti: circa 38.000 pezzi prodotti nel 1935, e 47.000 esemplari costruiti nel 1934, su una produzione totale di Tokarev che supera 1.300.000 pezzi, considerando solo gli arsenali militari Russi fino alla fine del 1945. (Vedere tabella quantità prodotte per anno). 
In questo modello (cosiddetto di transizione) la caratteristica principale è di essere una TT30 a tutti gli effetti, ad eccezione della canna che presenta già le caratteristiche poi introdotte nella TT33.

 

Alcune delle pistole presentano anche le guancine con un errore nel logo:  

la sigla CCCP inscritta nella stella a 5 punte è ruotata rispetto allo standard a causa di errori durante lo stampaggio delle stesse.
Condizioni

BRUNITURA: fino a oltre il 90% 
RIGATURA: eccellente 
MARCATURE: stella a 5 punte, anno di fabbricazione, marchi degli ispettori 
MONOMATRICOLA 

TUTTE LE PISTOLE SONO IMBALLATE SINGOLARMENTE IN SCATOLE DI CARTONE COSTRUITE APPOSITAMENTE.  
VIENE FORNITA SU RICHIESTA UNA FONDINA (NON ORIGINALE) PER OGNI PISTOLA.
Scheda tecnica
 
Tipo: Pistola semiautomatica 
Calibro: 7,62 mm Tokarev
Capacità del caricatore: 8 colpi
Lunghezza della canna: 117 mm. 
Lunghezza totale: 195 mm. 
Peso arma scarica: 870 grammi
Rigatura: 4 righe destrorse
Sicura: Mezza monta sul cane
Esemplari prodotti: 1.300.000 pezzi  alla fine del 1945 (la produzione terminò nel 1953)
Numero di Catalogo: 2878

La Tokarev è stata la pistola in dotazione all’esercito Russo dal 1935 in avanti. 
La TT30 fu scelta nell’estate del 1930 dopo l’effettuazione di test comparativi con i modelli proposti dai sovietici Korovin e Prilutskiy, oltre che con modelli stranieri basati sui sistemi Browning, Walther, Mauser, Luger ed altri nei calibri 7,65, 9 e 11,43 mm. 
La denominazione ufficiale iniziale fu Modello Tula Tokarev 1930, mentre quella definitiva, assegnata nel 1935, fu invece Modello TT33.   

Tula è l’arsenale militare in cui venne principalmente prodotta mentre Fedor Vasilevich Tokarev (1871 – 1968) è il suo progettista.  
(link al sito www.tokarev.net). 
La produzione della prima serie significativa risale in realtà al 1932 /1933 (poco meno di 7.000 pezzi). Questi primi 7.000 esemplari sono le uniche e vere TT30 a tutti gli effetti. 
Nel 1933 vennero apportate alcune modifiche progettuali (entrate in produzione solo nel 1935) e nacque così la denominazione più comunemente conosciuta di TT33. 
L’entrata in produzione vera e propria avvenne però solo nel 1934 e l’adozione ufficiale da parte dell’esercito nel 1935. 
Tra il 1934 ed il 1935 vennero costruite oltre 85.000 pistole (47.000 nel 34 e 38.000 nel 35) con caratteristiche identiche alla TT30 ad eccezione della canna che presenta già le caratteristiche poi introdotte nella TT33. 
Nel corso del 1935 venne avviata anche la produzione della versione definitiva TT33 (con i primi 50.000 pezzi) che poi proseguì fino al 1953.

Quantità prodotte
Di seguito si riportano alcuni dati relativi alla produzione stimata dell’arsenale militare di Tula fino alla fine della II Guerra Mondiale.
Anno Modello

Quantità arrotondate

       
1932 TT30 1.000  
1933 TT30 6.000  
1934 TT30 47.000  
1935 TT30 40.000  
1935 TT33 50.000  
1936 TT33 50.000  
1937 TT33 60.000  
1938 TT33 95.000  
1939 TT33 100.000  
1940 TT33 100.000  
1941 TT33 120.000  
1942 TT33 160.000  
1943 TT33 200.000  
1944 TT33 200.000  
1945 TT33 100.000  
       
Principali differenze tra TT30 e TT33
Grilletto
TT30 il grilletto nella parte superiore è appuntito
TT33 il grilletto presenta uno smusso nella parte superiore
Gruppo si scatto
TT30   Il gruppo di scatto è leggermente diverso per quanto riguarda la leva di disconnessione
 
Fusto
TT30   il fusto, nella parte posteriore dell'impugnatura, è aperto mediante fresatura ed ha una piastra di chiusura per permettere lo smontaggio del grilletto. Sulla piastra è impresso il numero di matricola.
TT33   il fusto è completamente chiuso
Canna
TT30 la canna presenta gli anelli di aggancio con il carrello soltanto nella parte superiore
TT33 la canna ha i due anelli di aggancio torniti su tutta la circonferenza
Impugnatura del carrello
TT30 l'impugnatura del carrello presenta le classiche sette righe larghe e distanziate
TT33 specialmente in quelle post-belliche ci sono  24 righe molto fitte e sottili
 
Identificazione e matricolatura
L'identificazione di ciascuna arma sul fusto è composta da quattro elementi:
 
1)   Due lettere cirilliche 2)   Numero di matricola
3)   Marchio dell'arsenale di produzione 4)   Anno di fabbricazione
 
Le lettere cirilliche furono introdotte soltanto nel 1938
La matricola è composta da 5 cifre sino al 1938, mentre passa a 4 cifre dopo l'introduzione delle due lettere.
Il simbolo dell'arsenale di Tula è rappresentato da una stella a 5 punte; dal 1942 il marchio diventa invece una freccia rivolta in alto dentro un triangolo a sua volta inscritto in un cerchio.
L’identificazione sull’arma è riportata sulle seguenti parti:
fusto:
completa, sul lato sinistro sopra la guancina.
piastra chiusura del fusto

Solo le 2 lettere e la matricola.
È significativo notare che nelle prime TT33 prodotte è stata riscontrata la matricola anche nella parte posteriore del fusto corrispondente alla piastra della TT30: ciò è dovuto al fatto che nelle prime TT33 si è mantenuta la consuetudine di avere la matricola anche sul retro, poi quando ci si è resi conto che era inutile (essendo il fusto tutto d’un pezzo), la si è stata eliminata.

carrello
completa sulla parte superiore davanti alla tacca di mira
canna
solo la matricola nella parte inferiore.
gruppo di scatto
le ultime due cifre della matricola nella parte sinistra
grilletto
marchio d’arsenale sul lato destro
caricatore
matricola sul fondello
Munizionamento
Inizialmente il calibro prescelto fu il 7,63 Mauser in quanto considerato più idoneo per essere usato su armi automatiche. Successivamente però si preferì  la compatibilità con il munizionamento  dei fucili Mosin Nagant (7,62x53R) perché questo avrebbe portato ad un’economia in fase di produzione delle cartucce e si ridusse quindi il calibro da 7,63 a 7,62.

Link
http://www.tokarev.n et/
 
http://en.wikipedia.org/wiki/TT-33
 
http://www.surplusrifle.com/pistoltt33/disassemble/index.asp
(istruzioni per lo smontaggio)
Bibliografia

 

DATIG FRED A.
SOVIET RUSSIAN TOKAREV TT PISTOLS AND CARTRIDGES 1929 – 1953
MICHAEL ZOMBER COMPANY, 11050 WASHINGTON BLVD. CULVER CITY, CA90230 USA. FEB.1991

HOFFMAN RICHARD A., SCHOTT NOEL P.
HANDBOOK OF MILITARY RIFLE MARKS 1866 – 1950 NEW SECOND EDITION.
MAPLELEAF MILITARIA PUBLICATIONS – ST.LOUIS 1998

ZHUK A.B.
THE ILLUSTRATED ENCYCLOPEDIA OF HANDGUNS PISTOLS AND REVOLVER
OF THE WORLD, 1870 TO THE PRESENT
GREENHILL BOOKS, LONDON 1997 ISBN:1-85367-259-9

Fedor Vasilevich Tokarev (1871 – 1968)

 

Per qualsiasi suggerimento, segnalazione o richiesta scrivere a: info@euroarms.net